L’ app di MusEolo e i beacon renderanno i musei italiani sempre più smart

//L’ app di MusEolo e i beacon renderanno i musei italiani sempre più smart

L’ app di MusEolo e i beacon renderanno i musei italiani sempre più smart

Molto probabilmente anche tu sei tra i circa 50 milioni di visitatori che nel 2017 sono entrati in un museo italiano e forse sei anche tra quelli che hanno acquistato un dispositivo per ascoltare le audioguide, facendoti strada tra codici QR e numeretti da digitare sul riproduttore audio per ascoltare le spiegazioni di tuo interesse.

Se hai vissuto un’esperienza simile, leggere questo articoli ti aprirà gli occhi sulle possibilità che la tecnologia offre per fruire al meglio dei luoghi della cultura e magari sceglierai di dedicare il tuo tempo ai soli musei e luoghi della cultura in grado di farti vivere un’esperienza unica e indimenticabile con Museolo e con i beacon.

La tecnologia infatti può integrarsi perfettamente con il mondo dell’arte e soprattutto renderla più fruibile al grande pubblico.

Tra le varie tecnologie introdotte vogliamo parlarti dei beacon, piccoli ripetitori Bluetooth incaricati di inviare spiegazioni sulle opere in tempo reale, che possono essere installati nelle varie stanze di musei, mostre d’arte, pinacoteche ed esposizioni per renderle interattive con gli smartphone dei visitatori.

I beacon forniscono immagini, audio e video in un determinato spazio definito. Il turista, così, ha a disposizione tantissimi dati in più rispetto alle audioguide o ai cartellini informativi.

MusEolo ti da la possibilità di utilizzare i beacon e di entrare così nel museo del futuro. Quando entrerai in una stanza del museo riceverai un messaggio sul tuo smartphone che ti inviterà a cliccare per ricevere più informazioni sull’opera che stai guardando.

Ti basterà semplicemente scaricare l’app di MusEolo sul tuo smartphone e guardare le opere d’arte in un modo nuovo, più smart, ma comunque rispettoso del contesto in cui ti stai muovendo. Il nostro obiettivo è quello di dare tantissimi dati in più al turista rispetto alle audioguide o ai cartellini informativi…

 

 

Quali sono i Musei smart in Italia?

 

In Italia ci sono già diversi esempi di musei smart come il museo della Scienza e della Tecnica di Milano, che ci porta su Marte con PlayStation Vr, a Papagna experience e il museo del Teatro alla Scala che ha introdotto la realtà virtuale con uso di Samsung Gear Vr, grazie alla quale si possono visitare il teatro con la guida di Nicoletta Manni.

Il Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano ha avviato una partnership con Sony interactive entertainment Italia per due esperienze in realtà virtuale, Apollo 11 virtual reality e The martian virtual reality experience. Indossando i visori PlayStationVR ci si muoverà tra 14 postazioni: in uno spazio a gravità zero, come all’interno di una navicella spaziale di 50 anni fa, oppure si guiderà su Marte, come veri astronauti. Altra novità tecnologica in arrivo a Milano è Beyond the castle, un’esperienza virtuale al Castello Sforzesco che sarà presentata a marzo. Un visore catapulterà i visitatori nel XV secolo, trasformandoli in arcieri che potranno giocare con altre cinque persone (sotto forma di avatar), muovendosi all’interno della torre falconiera alla scoperta di armi e invenzioni del tempo. Anche nel Teatro alla Scala ogni sala è dotata di totem touch e grazie all’app in sette lingue, ognuno potrà decidere quale percorso fare tra sei diverse opzioni. La gita al museo diventa così personalizzata, costruita su misura attorno al pubblico per renderla unica.

I beacon sono stati installati per la prima volta a Piacenza a Palazzo Farnese. Tale esperienza ha avuto un ottimo riscontro, tanto che oggi tutto il centro città è visitabile in una sorta di museo diffuso. Fermandosi davanti a un punto di interesse l’app si attiva e spiega storia e curiosità.

Alla lista dei musei tech si sono aggiunte anche le Terme di Caracalla a Roma, che da dicembre 2017 si visitano in 3D. Grazie alle ricostruzioni digitali degli ambienti si passeggia tra saune e frigidarium, come facevano i romani nel 216 dopo Cristo, anno della loro inaugurazione. Una volta ricevuto il visore, si possono ammirare statue e decorazioni oggi non più visibili nella loro collocazione originale, ma sparse in altri musei italiani.

Una sfida è stata anche quella della Reggia di Caserta, che nel novembre del 2016 ha lanciato una caccia al tesoro virtuale. Tramite l’app gratuita «A caccia di tesori» l’accesso alle stanze della mostra Terrae Motus era consentito rispondendo ad alcune domande sulle opere esposte.

Il museo archeologico nazionale di Napoli da poco meno di un anno è il set di un’avventura a tema storico tutta da giocare attraverso l’app «Father and Son».

Mentre a Ceglie Messapica, paese in provincia di Brindisi, è nato il primo museo invisibile d’Italia, Papagna experience che è completamente virtuale. Al posto del biglietto si riceve un kit di esplorazione: smartphone, visore, cuffia e un libro per girare nel centro storico per una visita tech.

 

Se sei Responsabile di un Museo o una mostra d’arte e ti interessa capire come utilizzare l’app di MusEolo nella tua struttura contattaci tramite mail ad info@museolo.it oppure scrivici un messaggio sul nostro profilo Fb!

https://www.facebook.com/museoloapp/?ref=bookmarks

By | 2018-03-13T09:21:54+00:00 marzo 13th, 2018|Categories: Blog|Tags: |0 Comments

About the Author:

Leave A Comment

This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.

This Is A Custom Widget

This Sliding Bar can be switched on or off in theme options, and can take any widget you throw at it or even fill it with your custom HTML Code. Its perfect for grabbing the attention of your viewers. Choose between 1, 2, 3 or 4 columns, set the background color, widget divider color, activate transparency, a top border or fully disable it on desktop and mobile.